St Dunstan and All Saints

http://www.stdunstanstepney.com/

Questa chiesa, per lo più sconosciuta ai visitatori occasionali di Londra, venne eretta in questo suolo nel 972 circa e oggi si può dire con certezza che è l’edificio più vecchio in assoluto rimasto integro nella zona (Torre di Londra esclusa).
E’ davvero una gran bella chiesa e neanche tanto piccola come dimensioni, con la sua facciata in pietra dona una nota di carattere a questo quartiere di umile e decrepito passato.
St Dunstan è molto amato in Inghilterra. La letteratura riporta molte citazioni a questo personaggio, che fu  Arcivescovo di Canterbury e al suo nome sono legate leggende che superarono i confini della nazione ed entrarono nel credo popolare di molte altre.
Ve ne cito una per tutte, penso una delle più famose al mondo:

Si narra che da fabbro, St Dunstan, avesse ferrato gli zoccoli del diavolo provocandogli un dolore lancinante e insopportabile. Il diavolo gli chiese di toglierli, ma il santo prima gli strappò la promessa che mai più sarebbe entrato in case che avessero esposto il ferro di cavallo …

Ditemi che vi ricorda qualcosa?La comunità religiosa, agli esordi, comprendeva tutto il territorio di quello che era conosciuto come Tower Hamlets, un quartiere portuale dove tutta la gente che viveva qui era dipendente dal mare.
Una parrocchia di Marinai in pratica, si dice che nulla morto o nato in questo mare non fosse iscritto nel suo registro.
Oggi la sua giurisdizione si limita al quartiere di Stepney

La chiesa è molto attiva e si occupa di parecchie cose inerenti alla comunità, visitandola non potete non notare le sue splendide vetrate e alcuni oggetti che risalgono fino ai tempi di Giorgio IV come i bastoni da cerimonia e alcune ‘mazze’ d’argento finemente incise con i simboli della Londra dei tempi: la Torre, un galeone e il Santo stesso.
Importanti sono le sue campane, un tempo dieci e tutte formate nella vicina fonderia di Whitechapel, entrate nella cultura popolare grazie ad una filastrocca antichissima che si canta ancora oggi nelle scuole elementari e negli asili.
Al suo interno giace la tomba di un aristocratico, il fratello maggiore del marito della regina Maria di Scozia, morto adolescente. Nel suo sagrato si sa che furono sepolte moltissime vittime della grande peste e a consolidare il suo antico legame con il mare, nel cimitero della ‘Church of the High Seas’ (nome con la quale era conosciuta) riposarono i corpi di molti marinai.

Ho voluto parlare di questa chiesa proprio in questo periodo di festa perché ancora oggi vi si svolge un rito difficile da notare in una grande città come Londra.

MG_7846
E’ tutt’oggi in uso fare una piccola processione la Domenica delle Palme tra le strade che circondano la chiesa; pochi sono ormai i fedeli a questo rituale, come in tutte le parrocchie del mondo, ma in prima fila di questo corteo ci sono due iscritti alla parrocchia molto particolari: sono George e Dunstan, i due asinelli che vivono nella vicina City Farm e che si adoperano per i parrocchiani.
Potete trovare dettagli e foto del rito in questo articolo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...