Londra e la notte che non c’è

Il cielo di Londra

Il cielo… Beh! il cielo è lo spettacolo più bello che la natura possiede, in qualunque parte del mondo lo si possa vedere ed in ogni stagione, non è certo la novità!
Ma quel giorno, insieme alla mie amiche, stavo per scoprire qualcosa di diverso! ….

Stravolte dal grande eccitamento dovuto dall’essere nuovamente in quella terra britannica che ci ha visto adolescenti. Stanchissime, dopo aver scarpinato per tutta la mattina e parte del pomeriggio,
l’assolato Hyde Park ci strizzò l’occhio, invitandoci  letteralmente a buttarci  sul suo bel tappeto verde e dopo un sospiro di sollievo, dovuto al sangue che nuovamente circolava nei piedi, ho aperto gli occhi sul quel tetto blu e …. sono rimasta senza parole!

Senza parole, in primis per paura di essere presa in giro, ma anche perchè ero io la prima a non credere nelle mie stesse sensazioni.
Eppure sembrava così vero! se avessi allungato la mano, se tiravo bene il braccio in alto su, su, avrei potuto toccarlo! …. Improvvisamente il ricordo di una bambina che stava ore a guardare il cielo divenne intensissimo e fu da quel giorno che rimasi intrappolata nell’incantesimo di quel cielo.
In ogni mio ritorno a Londra mi lascio suggestionare dalla sensazione di poterlo toccare, percezione che diventa più forte sopratutto (quindi quasi sempre) quando ci sono delle nuvole che trafficano in lungo e in largo. Mi appaiono molto più vicine, tridimensionali, quadrimensionali! di quanto non mi sembrino in terra natia.
Rimirare il cielo è anche uno dei motivi che mi fa amare il periodo dell’anno in cui la luce del giorno dura di più, un sacco di tempo aggiunto per gironzolare e stare all’aperto, così che preferisco di gran lunga i mesi di Maggio e Giugno per far visita a questa città. 
La luce naturale che filtra tra le fronde dei parchi e si fa largo tra le vie strette e guizza negli specchi dei grattacieli, rimane vivida quasi fino alle 10 di sera e, complice il fuso orario, mi permette di immaginare che il giorno londinese duri fino alle 23.
Poi però mi sono imbattuta in un articolo molto interessante che racconta proprio di cosa succede al cielo di Londra in questi mesi e, con un certo sollievo, mi sono resa conto che non è proprio tutto frutto della mia fantasia, la quale lo confesso, è sempre sul filone romantico/smielato quando si parla di Londra.
Non capisco niente di astronomia, longitudini&C, perdonatemelo, ciò nonostante il fascino di qualcosa di diverso l’ho percepito ed è stato davvero fantastico trovare delle spiegazioni scientifiche a quello che sembrava solo essere una suggestione.
Il fenomeno del sole che non tramonta mai o che non sorge se non a distanza di mesi lo conoscono tutti, ed è associato alle terre estreme, ai poli del mondo; ma pare che Londra sia abbastanza a Nord ed in una inclinazione favorevole per subire il lieve effetto di questo fenomeno naturale.
In parole povere da fine Maggio a fine Luglio, per 60 giorni, la notte a Londra non cala mai, rimane sospesa nell’intermezzo crepuscolare e, a seconda delle condizioni atmosferiche si può percepire più o meno intensamente.
Quindi al di là di tutte quelle sensazioni personalissime, il cielo di Londra nasconde davvero qualche segreto, ma è pronto a svelarlo a chi si sofferma per un più attento sguardo.
In questo fenomeno centra anche il Solstizio d’Estate che cade il 21 Giugno.
E’ il giorno più lungo dell’anno, quando il sole per due o tre giorni, nasce e muore nello stesso punto, per poi re-iniziare lentamente a muoversi decretando la fase decrescente del giorno.
Questo evento è festeggiato ogni anno nella vicina e famosa Stonehenge 
Ma anche senza i festeggiamenti pagani, se vi volete godere un bel tramonto, o immergervi nelle luci calde di questo lungo crepuscolo vi potrei suggerire la piccola altura di Primrose Hill, da cui si gode una bella vista sulla città e che si trova a nord del Richmond’s Park
Sunset over Primrose Hill. (c) Mike Rolls
Oppure arrivare fino alla Parliament Hill di Hampstead.
Parliament Hill Hampstead Head 
Ma potrebbe essere molto bello anche seduti sulle panchine del ponte di Hammersmith. 

O dalla collina di Christal Palace 
Piuttosto che da Greenwich 
Tanti bei modi per godersi questo giorno senza fine e le sue luci spettacolo ^_^

Annunci

Autore: london4ever

Le belle immagini mi incantano le cose complicate mi intrigano il caos mi stanca. Potessi trasformarmi in un animale sarei talpa, se in una cosa sarei escavatore e invece sono una persona, incompiuta.

One thought on “Londra e la notte che non c’è”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...