Lower Marsh Market



Ecco un altro punto della città in cui si mette ogni giorno in scena un mercato; un punto d’incontro colorato e accogliente, dove i passanti abituali trovano cibo da comprare e mangiare mentre si sgranchiscono un po’ le gambe dopo una mattinata seduti in ufficio, oppure prima di prendere un treno.
Per chi Londra se la gode invece in vacanza, potrebbe essere un’altro dei tanti punti dove trovare qualcosa di economico da sgranocchiare per la pausa pranzo; qualcosa da consumare magari seduti sulle rive del Tamigi, essendo questa stradina collegata agevolmente con la Queen’s Walk.

Basta passare nel famoso “tunnel dei graffiti”: Leake Street, che è un sottopasso diciamo “semi-pedonale” formato dall’arco della ferrovia che sbuca sulla York Rd dietro ai Jubilee Gardens.



Come avrete capito ci troviamo a Waterloo dietro la grande stazione ferroviaria.
Lower Marsh è una breve e piacevole strada, molto tranquilla vivacizzata da alcuni negozi molto belli e caratteristici che da soli potrebbero valere la visita

Come Radio Days
http://www.radiodaysvintage.co.uk/#!

Un piccolo negozio vintage con cose deliziose dedicate sopratutto agli anni 20′; pieno zeppo di splendidi abiti, borse, guanti, cappelli, gioielli e ceramiche d’epoca, non è proprio un “seconda mano” ma piuttosto simile ad un antiquario, quindi i prezzi corrispondono alla qualità degli oggetti che trovate. 

Anche se non siete alla ricerca di qualcosa, ma se amate il genere, merita di arrivarci appositamente.Io adoro il vintage e non potrei essere più felice di trovare ben due negozi del genere nello stesso posto


Stravagante I Knit London 


Negozio di lana e tricot che organizza spesso eventi. A dire il vero è un vero e proprio ritrovo per gli appassionati del lavoro a maglia con vere e proprie serate dedicate allo sferruzzamento e alle chiacchiere, con annesso frigobar per permette agli adepti di mangiucchiare e bere mentre creano. 


E poi… sempre a tema di socializzazione e ritrovo, c’è una caffetteria, molto ma molto carina, i suoi interni sono particolari, dedicati a quella due ruote a noi molto familiare … la vespa,



The Scooter Caffè l’ho scoperto grazie ad un articolo che mi ha decisamente incuriosito, davvero fortunata a poterne usufruire, vi assicuro che merita.
Ha un piacevole cortile posteriore e dei prodotti di pasticceria freschi veramente ottimi, se volete potete venire qui con il vostro cibo da strada e mangiarvelo comodamente, servono anche bibite e una piccola selezione di alcolici.
Quest’anno è stato al centro di un evento di ScooterManiac, un raduno che ha avuto il suo apice proprio qui, magari lo ripetono

Per ricordare la storia invece vi dico che esistevano dei bagni o lavatoi, proprio nel palazzo di fronte allo Scooter Caffè, dove oggi c’è la sede del Waterloo Health Center.
Furono in uso fino agli inizi del 900, in questa zona erano particolarmente ampi ed attrezzati come piscine vere e proprie. Si dice che il campione Matthew Webb, la prima persona che attraversò a nuoto la Manica nel 1875, si allenasse qui.



E che dire del negozio centenario? il Trussons Menswear fu fondato nel 1866 e ancora vende abbigliamento maschile alla moda di qualità, anche se si è spostato dall’altro lato della strada. 
D’altronde qui anche il Sainsbury’s supermarket ha un suo perché; in questa zona è nato il suo fondatore il quale mosse i suoi primi passi nel commercio proprio tra i banchi di questo mercato.

Ma parliamo del mercato:

Lower Marsh è praticamente tutto ciò che rimane di quello storico chiamato The Cut Market, pensate che intorno alla metà dell’800 era un vivacissimo mercato/fiera settimanale molto famoso, almeno fino ad arrivare a poco prima della seconda guerra.
Molto grande e complesso si sviluppava per quasi 5 km, partendo dalla stazione di Southwark, percorreva la strada chiamata proprio The Cut arrivando a toccare Lambeth Rd, via Hercules Rd, fino a raggiungere Black Prince Rd, passando per Lambeth Walk

I raid tedeschi colpirono pesantemente questa zona, la parte più vicina, in linea d’aria, alle Parliament Houses è stata rasa al suolo ed oggi, in Lambeth Walk, esiste solo un murales che, pur sbiadito, colora un po’ le tetre mura squadrate di quegli obbrobri che sono le Councils House del dopoguerra.


Dall’altro lato invece The Cut, che pur avendo cambiato anch’esso quasi totalmente aspetto, ha ancora qualche chicca, come il Pub all’angolo estremo, situato proprio di fronte al luogo dove sorgeva una cappella che veniva usata come un’arena vera e propria, un luogo dove degli atleti praticavano lo sport. 
E’ qui che nacque la Boxe nel 1910

Oggi ci trovate un moderno, direi anche originale, palazzo di vetro che si chiama proprio “palestra” 

http://inhabitat.com/london%E2%80%99s-palestra-to-have-turbines-reinstalled/

ed è la sede di alcuni uffici amministrativi dell’azienda dei trasporti.
Il Pub si chiama The Ring ed è un rinomato punto d’incontro per i locali che lo affollano regolarmente, ci troverete molti ricordi dell’arena e dei suoi atleti nonché propri in quanto una palestra fu aperta al suo piano superiore ed è tuttora famoso tra questo genere di sportivi.

Purtroppo io ho visitato Lower Marsh Market un Giovedì di Maggio prima delle 15; la strada sta subendo dei lavori, ci sono ruspe e buchi ovunque e non ho trovato molte bancarelle, una decina dedicate al cibo, quello si, ma pochissimo per quel che riguarda altre tipologie di merci.



Aveva comunque degli avventori che si rifocillavano con dei Dim-Sum e con delle Falafel profumate … gli odori del cibo cucinato in strada formano come un’arcobaleno, arrivate ad uno degli estremi e troverete la pentola per la felicità del vostro palato ^_^  

Persino il principe Carlo ha fatto una visita l’anno scorso per vedere con i suoi occhi e aiutare la rinascita di questo mercato storico.Sicuramente ci sono giornate in cui si radunano più venditori, moltissimi sono gli eventi che organizzano; vi consiglio di tenervi aggiornati seguendo il loro sito, ma mercato o meno trovo che sia veramente un posto da scoprire.

Autore: london4ever

Le belle immagini mi incantano le cose complicate mi intrigano il caos mi stanca. Potessi trasformarmi in un animale sarei talpa, se in una cosa sarei escavatore e invece sono una persona, incompiuta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...